NEWS – WORLD WEALTH REPORT 2011: PANORAMICA REGIONALE

Publish date:

Autore: Krishnan Narayan

La capitalizzazione dei mercati azionari globali ha registrato un aumento pari al 18,0%, nonostante la debole ripresa globale e le sporadiche turbolenze economiche e politiche in tutto il mondo. Anche le altre principali classi di attivi (reddito fisso, immobili e investimenti alternativi) hanno registrato un aumento in linea con quello dei mercati azionari globali. Inoltre, le materie prime sono state oggetto di una domanda robusta, sia per uso industriale che come investimento nel corso del 2010. Tuttavia l’inflazione è in aumento nelle economie mature ed emergenti e molte economie emergenti stanno già innalzando i tassi d’interesse per moderare la tendenza. La risposta all’inflazione potrebbe avere un impatto sul ritmo con cui la ripresa economica procede.

A fine 2010, la popolazione mondiale degli individui con patrimonio finanziario superiore a 1 milione di dollari (High Net Worth Individuals, HNWI) è salito dell’8,3% da fine 2009 a quota 10,9 milioni e la loro ricchezza del 9,7% a quota 42.700 miliardi di dollari USA. La ricchezza degli HNWI in Nord America ed Europa si è mantenuta altresì al di sotto dei livelli pre-crisi (fine 2007).

Tale ripresa economica ha avuto ripercussioni anche su alcuni spostamenti significativi delle asset allocation degli HNWI, in particolare:

Gli HNWI hanno ulteriormente spostato le loro esposizioni verso le azioni nel 2010, riducendo al contempo lentamente l’esposizione a strumenti monetari/depositi e reddito fisso

  • Globalmente, le azioni rappresentavano il 33% degli attivi finanziari totali degli HNWI a fine 2010, in aumento dal 29% dell’anno precedente, allorché molti mercati azionari mondiali hanno assistito a un’ulteriore crescita positiva.
  • A livello globale, l’esposizione a strumenti monetari/depositi è diminuita al 14% dal 17% del 2009.

In complesso, a fine 2010 la distribuzione regionale degli attivi degli HNWI era molto simile a quella dell’anno precedente

  • Gli HNWI dell’area Asia-Pacifico e dell’Europa hanno aumentato la loro quota relativa di esposizione verso mercati esterni alla propria regione d’appartenenza nel 2010.
  • Gli HNWI del Nord America e dell’America Latina hanno mantenuto la medesima quota d’esposizione nelle proprie regioni d’appartenenza.

I REIT hanno assistito a ulteriori aumenti dell’esposizione da parte degli HNWI nel 2010

  • L’esposizione ai REIT è aumentata al 15% nel 2010, rispetto al 12% del 2009, sulla base di rendimenti allettanti.
  • Sul totale degli attivi immobiliari, la quota dedicata agli immobili residenziali è diminuita dal 48% al 46%, in conseguenza dell’incertezza in merito alla ripresa in ambito immobiliare.
  • La quota dedicata agli immobili commerciali ha altresì registrato una lieve ulteriore flessione dal 27% al 26%, con il settore penalizzato da redditi da locazione in calo e da una domanda debole che ha portato a un aumento dei tassi degli immobili sfitti.

Anche se tutte le regioni hanno registrato una crescita della popolazione e ricchezza degli HNWI nel 2010, l’entità della crescita è dipesa fortemente da fattori macroeconomici regionali.

Nord America: la crescita economica ha registrato una forte ripresa in Nord America nel 2010; anche la crescita di altri fattori determinanti della ricchezza ha sostenuto l’aumento della dimensione e ricchezza della popolazione degli HNWI.

  • La popolazione degli HNWI in Nord America è aumentata dell’8,6% nel 2010 a quota 3,4 milioni, dopo una crescita del 16,6% nel 2009. La loro ricchezza è aumentata del 9,1% a quota 11.600 miliardi di dollari USA.
  • Il Nord America permane il paese con il maggior numero di HNWI, con 3,4 milioni, pari al 31% della popolazione globale degli HNWI.
  • Quanto alle classi di attivi, gli HNWI del Nord America hanno storicamente preferito le azioni detenendo il 42% di tutte le partecipazioni in azioni a fine 2010, in aumento dal 36% a fine 2009 e battendo la media globale del 33%.
  • Gli HNWI del Nord America hanno mantenuto un’esposizione superiore alla media alle commodity (30% degli investimenti alternativi).
  • Nel 2010, gli HNWI del Nord America hanno collocato il 76% dei loro attivi in investimenti nella propria regione d’appartenenza, con una situazione invariata rispetto all’anno precedente. Si prevede che tale valore scenderà al 68% verso fine 2012, poiché gli HNWI del Nord America ridistribuiranno gli attivi verso i mercati emergenti al fine di catturare rendimenti superiori e verso i mercati sviluppati alternativi per di diversificare i loro rischi.
  • Negli Stati Uniti, il PIL reale ha registrato un aumento del 2,9% nel 2010, dopo una contrazione del 2,4% nel 2009.
  • La capitalizzazione di mercato degli Stati Uniti è aumentata del 14,6% nel 2010, dopo essere cresciuta del 29,9% nel 2009.
  • In Canada, il PIL reale ha registrato un aumento del 2,9% nel 2010, dopo una contrazione del 2,6% nel 2009.
  • La capitalizzazione di mercato del Canada è aumentata del 29,4% nel 2010, dopo essere cresciuta del 55,6% nel 2009.
  • Nel 2010, vi erano 40.000 Ultra-HNWI in Nord America, pari all’1,2% del numero totale di HNWI della regione.  Il Nord America vanta ancora il numero maggiore a livello regionale di Ultra-HNWI, per un totale di 40.000 nel 2010, in aumento da 36.000 nel 2009 (permangono tuttavia al di sotto dei 41.000 registrati nel 2007).

Europa: la dimensione e la ricchezza della popolazione degli HNWI in Europa sono cresciute nel 2010, anche se tale crescita è stata una delle più basse di tutte le regioni.

  • La popolazione degli HNWI dell’Europa è aumentata del 6,3% a quota 3,1 milioni, dopo esser salita del 12,5% nel 2009. La ricchezza degli HNWI è aumentata del 7,2% a 10.200 miliardi di dollari USA, dopo essere salita del 14,2% nel 2009.
  • La popolazione degli HNWI ha registrato un aumento modesto nel Regno Unito (1,4%) e moderato in Russia (13,6%).
  • L’esposizione alle azioni degli HNWI europei è aumentata al 33% nel 2010 dal 26% degli attivi totali nel 2009, allorché la capitalizzazione del mercato azionario europeo aveva messo a segno un’ulteriore crescita.
  • Si è registrato un ulteriore calo degli investimenti nella regione d’appartenenza in Europa, ove tali partecipazioni sono scese al 56% dei portafogli complessivi dal 59% nel 2009.
  • Il PIL è aumentato del 2,0% nell’Europa occidentale e dell’1,9% nell’Europa orientale nel 2010, ma tale crescita è stata tra le più basse di tutte le regioni, soprattutto sulla base delle preoccupazioni in merito alla crisi del debito sovrano.
  • Nel 2010, l’Europa contava 22.000 Ultra-HNWI, pari allo 0,7% del numero totale di HNWI dell’Europa.

Area Asia-Pacifico: l’aumento della popolazione e della ricchezza degli HNWI è stata significativa nell’area Asia-Pacifico, poiché le economie della regione hanno registrato una costante crescita economica robusta e forti aumenti di altri fattori determinanti della ricchezza.

  • La popolazione degli HNWI nell’area Asia-Pacifico è aumentata del 9,7% a quota 3,3 milioni, dopo esser salita del 25,8% nel 2009, battendo la popolazione degli HNWI europei (3,1 milioni) per la prima volta.
  • Nell’area Asia-Pacifico risiede la sesta popolazione degli HNWI in ordine di grandezza delle dieci in più rapida crescita del mondo, guidate da Hong Kong (33,3%) e Vietnam (33,1%).
  • La ricchezza degli HNWI dell’area Asia-Pacifico è aumentata del 12,1% a 10.800 miliardi di dollari USA, dopo esser salita del 30,9% e battendo la ricchezza degli HNWI europei nel 2009.
  • Anche gli HNWI dell’area Asia-Pacifico, Giappone escluso, hanno continuato a inseguire i rendimenti in ambito immobiliare, pari al 31% del loro portafoglio complessivo a fine 2010, in aumento dal 28% dell’anno precedente e ampiamente al di sopra della media globale del 19%.
  • Gli HNWI del Giappone sono rimasti i più conservativi a livello mondiale mantenendo il 55% del loro portafoglio complessivo investito nel reddito fisso e in veicoli monetari/deposito a fine 2010, in aumento dal 48% dell’anno precedente e al di sopra della media globale del 43%.
  • In Cina, la crescita del PIL reale è salita al 10,3% nel 2010 rispetto all’8,7% del 2009.
  • In India, la crescita del PIL reale è salita al 9,1% nel 2010 rispetto al 6,8% del 2009.
  • L’area Asia-Pacifico contava 23.000 Ultra-HNWI nel corso del 2010, pari allo 0,7% della popolazione degli HNWI della regione.

America Latina: il PIL dell’America Latina è aumentato in modo significativo nel 2009 e la regione ha registrato forti aumenti in altri fattori determinanti della ricchezza.

  • L’America Latina ha registrato anche un altro aumento modesto (6,2%) della popolazione degli HNWI nel 2010, mentre la ricchezza degli HNWI è aumentata del 9,2%. Il segmento HNW dell’America Latina si è dimostrato relativamente resistente e stabile negli anni recenti (il numero degli HNWI è diminuito appena dello 0,7% nel 2008) e la ricchezza degli HNWI è salita del 18,1% dal 2007.
  • In America Latina, la popolazione generale degli HNWI è ancora poco numerosa, inferiore a 0,5 milioni. Tuttavia, la prevalenza degli Ultra-HNWI moltiplica il livello complessivo della ricchezza degli HNWI, in crescita a 7.300 miliardi di dollari USA nel 2010.
  • L’allocazione degli investimenti degli HNWI dell’America Latina ha assistito a pochi cambiamenti nel 2010, ma si attendono spostamenti significativi nel 2012, quando le esposizioni alla regione d’appartenenza dovrebbero diminuire in concomitanza all’aumento degli investimenti in Nord America.
  • Gli HNWI dell’America Latina permangono ancora conservativi, con il 47% dei loro portafogli complessivi investiti in strumenti monetari/depositi o nel reddito fisso, nonostante l’aumento dei prezzi delle azioni.
  • Tra gli HNWI dell’America Latina, gli hedge fund hanno occupato una posizione chiaramente predominante nell’ambito delle partecipazioni negli investimenti alternativi, pari al 35% di tutte le relative partecipazioni del 2010.
  • Nel 2010, il PIL reale ha registrato un aumento del 7,5% in Brasile e del 5,0% in Messico.
  • Il Brasile, dopo aver registrato uno dei principali aumenti a livello mondiale della capitalizzazione di mercato nel 2009 (125,9%), ha registrato una crescita pari a solo il 15,6% nel 2010.
  • A livello regionale, l’America Latina vanta la percentuale più elevata di Ultra-HNWI con il 2,4% (o 11.000 Ultra-HNWI), rispetto alla media globale dello 0,9.

Medio Oriente: il tasso di crescita della dimensione e ricchezza della popolazione degliHNWI in Medio Oriente ha superato quello di altre regioni, dopo il risultato mediocre registrato nel 2009, quando la crescita della popolazione degli HNWI e della loro ricchezza era in ritardo rispetto a tutte le altre regioni.

  • In Medio Oriente, la dimensione della popolazione degli HNWI è aumentata del 10,4% nel 2010 a quota 0,4 milioni, mentre la ricchezza è balzata in avanti del 12,5% a 1.700 miliardi di dollari USA.
  • Gli Emirati Arabi Uniti (EAU) hanno registrato un ulteriore calo (del 3,5%) della popolazione degli HNWI, sulla base degli effetti postumi della crisi immobiliare a Dubai.
  • In Medio Oriente, l’esposizione degli HNWI al comparto immobiliare è scesa al 18% di tutti gli investimenti dal 23% nel 2009, allorché punti sensibili quali Dubai hanno registrato un significativo calo della domanda.
  • Gli investimenti private equity sono stati ampiamente superiori in Medio Oriente (17% di tutta l’esposizione agli investimenti alternativi) a quelli della media globale degli HNWI (10%).
  • Il PIL reale è aumentato del 2,1% negli EAU nel 2010, mentre è diminuito del 3,8% in Arabia Saudita.
  • La capitalizzazione di mercato ha registrato un calo del 3,9% negli EAU nel 2010.

Il Medio Oriente vantava 4.000 Ultra-HNWI nel 2010, pari allo 0,9% della popolazione degli HNWI.

Per ulteriori informazioni contattare:

Merrill Lynch:

Brunswick

Ana Iris Reece Gonzalez

aireece@brunswickgroup.com

Natasha Aleksandrov

naleksandrov@brunswickgroup.com

+39 02 92 886200 / 03

Capgemini:

Community – consulenza nella comunicazione

Roberto Patriarca

roberto.patriarca@communitygroup.it

Marco Gabrieli

marco.gabrieli@communitygroup.it

+39 02 89404231

cookie.
Continuando a navigare su questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni e per modificare le impostazioni relative ai cookie sul tuo computer, leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi

Chiudi l'informativa sui cookie