World Quality Report

La mancanza di allineamento tra obiettivi di business e ambizioni sulla qualità impedisce l’adozione di metodologie Agile e DevOps

Publish date:

Il World Quality Report 2019 di Capgemini evidenzia che competenze e sfide legate alla sicurezza rappresentano i maggiori ostacoli per le imprese che vogliono migliorare i propri ambienti di testing e IT

Milano, 31 ottobre 2019 – Il World Quality Report 2019-20 (WQR), rilasciato oggi da Capgemini e Sogeti e pubblicato in collaborazione con Micro Focus, evidenzia che le principali sfide nell’adozione di metodologie Agile e DevOps riguardano l’allineamento con gli obiettivi di business e le aspettative dei clienti. Il report sottolinea la necessità di migliori attività in ambito quality assurance (QA) e testing che contribuiscano alla crescita del business ed evidenzia anche la crescente importanza di affrontare le preoccupazioni legate alla sicurezza sollevate dai team IT. Il 59% degli intervistati afferma che ci sono carenze nei controlli che dovrebbero garantire l’adesione alle politiche di sicurezza sull’elaborazione dei dati e sui sistemi di archiviazione. Secondo il report, il futuro delle pratiche di QA e testing potrà contare su un approccio ai test più smart e connesso attraverso l’uso di intelligent analytics, piattaforme di test automation e maggiori competenze tecniche.

Il WQR di quest’anno evidenzia gli scarsi progressi effettuati in ambito di test data management (TDM) e test environment management (TEM), mentre le aziende si trovano a dover affrontare un numero crescente di sfide: quest’anno il 60% degli intervistati ha dichiarato che i costi rappresentano il principale ostacolo per lo sviluppo di ambienti di test, un dato in aumento rispetto al 39% registrato solo due anni fa.

Di seguito le principali evidenze:

Crescita di business e risultati rappresentano il principale obiettivo dell’adozione di metodologie Agile e DevOps

Dall’indagine di quest’anno emerge che i sempre maggiori obiettivi commerciali determinano in maniera rilevante anche gli obiettivi chiave per le attività di testing e QA delle aziende. Per gli intervistati, “l’apporto alla crescita del business e ai risultati” e “la soddisfazione dell’utente finale” (entrambi al 40%) rappresentano i due principali obiettivi di testing e QA per quest’anno.

La sicurezza resta l’elemento cruciale, con nuove problematiche da affrontare

Il report ha rilevato sfide e opportunità in materia di sicurezza. Il 58% degli intervistati ha infatti affermato di effettuare test di sicurezza in ambienti cloud, rispetto al 42% del 2015. La maggioranza (53%) ha inoltre dichiarato che l’automazione dei test ha ridotto il rischio di sicurezza complessivo per la propria azienda, mentre il 44% degli intervistati ha indicato che il “miglioramento della sicurezza” rappresenta il principale obiettivo da raggiungere quest’anno per quanto riguarda l’area IT. Più della metà degli intervistati (52%) ha indicato che le sfide in ambito di security validation rappresentano attualmente le principali problematiche tecniche nello sviluppo di applicazioni.

L’automazione fa la differenza, ma allo stesso tempo presenta delle sfide

La test automation (TA), un trend che ha sperimentato una costante crescita negli ultimi anni, ha portato diversi benefici, come maggior controllo e trasparenza delle attività di test (per il 63% degli intervistati), miglioramento nell’individuazione dei difetti (56%) e riduzione di costi (56%) e tempo di ciclo (54%) dei test.

Tuttavia, l’indagine di quest’anno indica che la test automation sta diventando un’esigenza sempre più pressante per l’intero ciclo di vita e ciò sta provocando una serie di gap: quando è stato chiesto loro quali fossero le sfide tecniche da affrontare in tema di sviluppo di applicazioni, il 63% degli intervistati ha evidenziato una “mancanza di automazione end-to-end che include tutte le fasi dalla creazione all’implementazione”, dato in aumento rispetto al 55% dello scorso anno.

Inoltre, un maggiore uso di automazione e intelligenza artificiale sta facendo emergere una carenza di competenze in alcune aziende: il 41% ritiene infatti che una delle principali sfide tecniche sia “la mancanza di competenze adeguate in ambito QA e testing”, mentre il 58% delle aziende intervistate ha dovuto attingere a competenze esterne in materia di IA, perché non fa parte del loro core business (23%), per la necessità di acquisire velocemente skill in tema di IA (24%), oppure perché le stesse erano necessarie per un periodo di tempo limitato (11%).

“Il panorama relativo a testing e QA si sta evolvendo rapidamente man mano che l’innovazione riduce i costi e migliora i processi”, ha dichiarato Alessandro Kowaschutz, Operations Lead, Capgemini Business Unit Italy. “Le attività di testing e QA si stanno trasformando in un elemento sempre più fondamentale per operations aziendali e risultati di business, piuttosto che un’area a sé stante all’interno di un’organizzazione”.

“Allo stesso tempo, il cambiamento porta con sé le proprie sfide – due delle più importanti sono l’introduzione di testing e QA nello sviluppo Agile e DevOps e l’accesso alle competenze necessarie. Per rimanere all’avanguardia, le aziende devono adottare nuovi approcci, comprese nuove strategie in tema di testing che siano connesse e olistiche, aumentando la conoscenza degli ambienti di test all’interno dell’organizzazione e trasformandosi in centri di eccellenza per il test data management”.

Raffi Margaliot, Senior Vice President e General Manager for Application Delivery Management di Micro Focus spiega: “I test e l’automazione sono fattori strategici per un’erogazione del software affidabile e sicura, ma le organizzazioni continuano a scontrarsi con costi e complessità a essi associati. Il World Quality Report di quest’anno rileva che competenze, sicurezza, budget, test end-to-end e Quality Assurance assumono sempre più rilevanza per i nostri clienti che intraprendono progetti di digital transformation”.

Raccomandazioni per la crescita del testing in ambienti Agile e DevOps in evoluzione

Il report si conclude con una serie di raccomandazioni per sostenere le aziende nell’adozione più ampia di Agile e DevOps:

  • Costruire un ecosistema di testing smart e connesso utilizzando l’intelligent analytics
  • Portare la sicurezza a un nuovo livello con l’introduzione di test di sicurezza all’inizio del ciclo di vita, durante la progettazione
  • Espandere le competenze relative all’IA all’interno del team di testing, integrandole con discipline come data science, statistica e matematica
  • Ripensare la test automation come una piattaforma
  • Aumentare la consapevolezza e la visibilità sugli ambienti di test, approcciando il test data management come centri di eccellenza

Per ulteriori informazioni, è possibile scaricare il report integrale al seguente link.

Metodologia di ricerca del World Quality Report 2019

Il World Quality Report, al quale hanno partecipato 1.725 CIO e altri professionisti senior del comparto tecnologico provenienti da 32 paesi e 8 settori industriali, è l’unico report globale che analizza i trend relativi alla qualità e al testing delle applicazioni. Pubblicato con cadenza annuale dal 2009 e giunto all’undicesima edizione, il report del 2019 ha raccolto i dati attraverso interviste telefoniche fatte via computer. L’analisi si basa sui dati ottenuti dalle risposte di sei gruppi di intervistati – CIO, VP Applications, IT Director, QA/Testing Manager, CDO/CMO e CTO/Product Head di tutto il mondo – ed è stata condotta attraverso interviste quantitative seguite da discussioni di approfondimento qualitative.

 

2019 10 31 WQR ITA

Dimensione del file: 273,67 KB File type: PDF

WQR_Infographic

Dimensione del file: 1,35 MB File type: PDF
cookie.
Continuando a navigare su questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni e per modificare le impostazioni relative ai cookie sul tuo computer, leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi

Chiudi l'informativa sui cookie