Una nuova ricerca realizzata da Capgemini Consulting e MIT Sloan Management Review rivela perché le imprese faticano ad affrontare e gestire la Digital Transformation

Publish date:

Milano, 22 ottobre 2013 – Capgemini Consulting, divisione globale del Gruppo Capgemini che fornisce servizi di consulenza a supporto di strategia e trasformazione, ha annunciato in collaborazione con MIT Sloan Management Review i risultati di un nuovo studio condotto a livello mondiale sul tema della Digital Transformation dal titolo “Embracing Digital Technology: A New Strategic Imperative”. La trasformazione digitale rappresenta per le aziende l’opportunità di un cambiamento radicale offerto dalla convergenza di nuove tecnologie digitali quali social media, mobile, analytics e dispositivi embedded. Dallo studio è emerso un forte divario: sebbene appaiano chiare ed evidenti le opportunità insite nel processo di Digital Transformation, non lo sono al contrario le modalità e la direzione da seguire per giungere all’obiettivo.
 
Gli oltre 1.500 executive di 106 Paesi coinvolti nell’indagine hanno affermato di avere ben chiari i vantaggi delle nuove tecnologie digitali. Il 78% di essi ritiene che nel prossimo biennio la Digital Transformation giocherà un ruolo critico nelle rispettive aziende. Dove la trasformazione digitale è una voce sempre presente nell’agenda del management, l’81% degli intervistati la reputa una soluzione in grado di fornire un forte vantaggio competitivo al business. Nonostante tale livello di convincimento, i business leader faticano a tradurre l’opportunità in una visione di cambiamento o in una roadmap di intervento. Per il 63% degli intervistati la propria azienda adotta infatti un ritmo di evoluzione tecnologica troppo lento.
 

  • Coinvolgere l’azienda. Priorità in competizione tra loro e mancanza di competenze digitali rappresentano le due principali sfide per la realizzazione.
  • Allineare e correlare la leadership con la Digital Transformation. Uno degli ostacoli più citati è la mancanza di urgenza, o l’assenza di una situazione disastrosa. Inoltre, solo il 36% dei dirigenti ha condiviso con i dipendenti una visione a supporto della Digital Transformation (ma di questo terzo che lo ha fatto, il 93% dei dipendenti risulta sostenerla con convinzione).
  • Motivare la Digital Transformation. Solo metà delle imprese crea dei business case a supporto degli investimenti nel digitale.
  • Implementare supporti di governance adeguati. Nel 40% dei casi, gli intervistati hanno affermato di non disporre di alcuna pratica di governance formale a supporto della Digital Transformation; attualmente solo il 26% fa leva sui KPI per valutare i progressi.

 
Maurizio Mondani, CEO di Capgemini Italia, dichiara: “C’è un chiaro invito all’azione per i business leader. L’alta dirigenza gioca infatti un ruolo determinante nell’attuazione del processo di Digital Transformation ricoprendo posizioni che permettono di superare alcuni degli ostacoli maggiori, quali la definizione e la comunicazione di una visione e la gestione della trasformazione presso le singole funzioni aziendali. Sebbene le opportunità di ottimizzare le performance siano riconosciute, l’esecuzione concreta resta complessa. Tuttavia c’è solo una mossa davvero sbagliata: quella di non farne alcuna”.
 
Lo studio cita Starbucks quale società che ha compiuto un grande passo nella giusta direzione; ha infatti creato la posizione di Vice President of Digital Ventures, affidandola ad Adam Brotman. La prima decisione di Brotman è stata quella di mettere a disposizione collegamenti Wi-Fi gratuiti nei vari punti vendita Starbucks unitamente a una landing page digitale con diverse opzioni di consultazione, ad esempio la possibilità di accedere gratuitamente ai contenuti di importanti pubblicazioni come The Economist. Oggi Brotman ricopre il ruolo di Chief Digital Officer di Starbucks e lavora a stretto contatto con Curt Garner, Chief Information Officer. Una ristrutturazione apportata ai rispettivi team permette a Brotman e Garner di collaborare ai diversi progetti sin dalle prime fasi. Lo scorso anno sono riusciti a tagliare 10 secondi da ogni transazione mediante carta di credito o telefono cellulare, riducendo di 900.000 ore il tempo di attesa dei clienti. Starbucks sta aggiungendo l’elaborazione dei pagamenti mobili presso i propri punti vendita, e attualmente gestisce più di 3 milioni di transazioni di questo tipo ogni settimana. Presto i clienti potranno ordinare direttamente dal loro cellulare. Starbucks ha dato prova di come il digitale possa trasformare la customer experience.
 
La trasformazione digitale è un processo che deve venire dall’alto”, ha commentato David Kiron, Executive Editor delle iniziative Big Ideas della MIT Sloan Management Review. “Le imprese devono identificare e incaricare un responsabile, o un gruppo di responsabili, che guidi gli sforzi e che possa compiere un piccolo passo dopo l’altro, mediante progetti pilota, per poter investire in quelli che meglio rispondono agli obiettivi della trasformazione digitale”.
 
Note
Ulteriori informazioni sulle organizzazioni che hanno significativamente contribuito al processo di Digital Transformation sono consultabili nei seguenti case study di Capgemini Consulting: Volvo, Starbucks, Nike e Caesars Entertainment.
 
Link allo studio completo: http://www.it.capgemini.com/embracing-digital-technology-a-new-strategic-imperative
 
Lo studio
Lo studio è parte di una ricerca congiunta sulla trasformazione digitale. MIT Sloan Management Review e Capgemini Consulting hanno condotto un’ampia indagine online coinvolgendo executive e manager di differenti aziende e organizzazioni di tutto il mondo. Lo studio ha coinvolto più di 1500 persone in 106 paesi (inclusi: Stati Uniti 37%, India 11%, Canada 5%, Regno Unito 4%, Australia, Brasile e Messico rispettivamente con il 3%). Gli intervistati rappresentano aziende e organizzazioni appartenenti a tutti i settori, quasi la metà (47%) lavora in una società con entrate inferiori ai 250 milioni di dollari, il 10% è impiegato in un’azienda di medie dimensioni con un fatturato che oscilla tra i 250 e i 500 milioni di dollari, il 9% lavora per una società con vendite tra i 500 milioni e il miliardo di dollari e il 33% è impiegato in organizzazioni con entrate che superano il miliardo di dollari, incluso un 11% che è dipendente di organizzazioni con oltre 20 miliardi di vendite.
 
Questo studio è il più recente lavoro frutto del programma di ricerca di Capgemini Consulting rivolto alla Digital Transformation. Capgemini Consulting ha in atto una collaborazione triennale con MIT Center for Digital Business per attività di ricerca congiunte. L’ultimo report – “The Digital Advantage: How digital leaders outperform their peers in every industry“ – ha interessato 469 senior executive di 391 aziende in 30 Paesi e fa seguito allo studio del 2011 intitolato ‘Digital Transformation: a roadmap for billion-dollar organisations’: Source – società di analisi che opera nel settore della consulenza – l’ha posizionato tra le prime cinque pubblicazioni più autorevoli dell’ultimo decennio, dopo una rigida selezione tra ben 22.000 ricerche di consulenza in tutto il mondo.
 
Capgemini Consulting
Capgemini Consulting è la divisione del gruppo Capgemini dedicata alla consulenza per la strategia globale e la trasformazione, specializzata nel dare supporto a quelle aziende che intendono operare una trasformazione: dalla strategia alla realizzazione dell’innovazione e con un’attenzione incondizionata ai risultati. Con la nuova economia digitale che crea significativi sconvolgimenti e altrettante opportunità, un team globale di 3.600 esperti professionisti lavora con le più importanti società e i governi per organizzare la trasformazione digitale, mettendo a frutto le conoscenze sull’economia digitale e la leadership nella trasformazione del business e nei cambiamenti organizzativi acquisiti negli anni. (http://www.capgemini-consulting.com/)
 
Per maggiori informazioni visitare: http://www.capgemini-consulting.com/
 
Capgemini
Con 125.000 dipendenti in 44 paesi nel mondo, Capgemini è uno dei maggiori provider di servizi di consulenza, information technology e outsourcing. Nel 2012 il Gruppo Capgemini ha registrato ricavi per 10,3 miliardi di euro. Insieme con i propri clienti, Capgemini elabora e implementa soluzioni di business e soluzioni tecnologiche adatte alle loro esigenze e ai risultati attesi. L’organizzazione profondamente multi-culturale da sempre contraddistingue il Gruppo Capgemini, così come un modo unico e distintivo di lavorare – la Collaborative Business Experience™ – e un modello globale di delivery distribuita chiamato Rightshore®. L’offerta Capgemini Italia è orientata verso i seguenti mercati: Financial Services, Energy & Utilities, Manufacturing, Automotive, Consumer Products, Retail & Distribution, Public Administration, Telecom Media & Entertainment. Nel 2012 Capgemini Italia ha registrato ricavi per 214 milioni di euro e ad oggi conta su circa 2.500 professionisti dislocati su 13 sedi in Italia. Per saperne di più: www.capgemini.it
 
Rightshore® è un trademark che appartiene a Capgemini
MIT Sloan Management Review
MIT Sloan Management Review conduce il dibattito tra i ricercatori universitari, dirigenti d’azienda e altri opinion leader influenti nei progressi di management practice che stanno trasformando il modo di innovare delle persone. MIT SMR diffonde nuove ricerche sul management e idee innovative così che i dirigenti più attenti possano capitalizzare le opportunità generate dal rapido cambiamento organizzativo, tecnologico e sociale.
 
E’ possibile visitare MIT SMR’s Digital Transformation per approfondimenti, post e video sulla digital transformation.