I Digital Twin possono dare un contributo determinante nel raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità delle aziende

Publish date:

Un terzo delle organizzazioni si avvale dei Digital Twin per comprendere e prevedere i propri consumi energetici e le emissioni

Milano, 30 maggio 2022 – Secondo il report “Digital Twins: Adding Intelligence to the Real World” realizzato dal Capgemini Research Institute, il 60% delle organizzazioni dei principali settori si affida ai Digital Twin[1] non solo per migliorare le prestazioni operative, ma anche per realizzare il proprio programma di sostenibilità. I Digital Twin, permettendo di simulare uno scenario che avverrebbe nel mondo fisico, sono infatti in grado di supportare le organizzazioni nell’utilizzare le risorse in maniera più accurata, ridurre le emissioni di carbonio, ottimizzare i network di approvvigionamento e di trasporto e aumentare la sicurezza dei dipendenti.

Dal report emerge che l’utilizzo dei Digital Twin è destinato ad aumentare mediamente del 36% nei prossimi cinque anni. Tale incremento indica un crescente interesse per i Digital Twin in tutti i principali settori industriali, a partire da quelli Automotive, Aerospace, Life Sciences ed Energy and Utilities, trainato dalle organizzazioni che si impegnano per portare avanti il loro percorso di digital transformation e per rendere più intelligenti le operazioni lungo la catena del valore. Le organizzazioni intervistate hanno dichiarato che i vantaggi in termini di risparmio dei costi (79%) e progresso tecnologico (77%) sono i principali fattori che le spingono a investire nei Digital Twin.

Dalla ricerca emerge anche che il 57% delle organizzazioni ritiene i Digital Twin fondamentali per migliorare i propri sforzi in tema di sostenibilità, fattore che riflette la crescente tendenza delle aziende a mantenere gli impegni in ambito ESG (Environmental Social Governance). I Digital Twin permettono modalità di lavoro flessibili per mitigare i rischi e favorire la collaborazione, offrendo l’opportunità unica di aumentare la redditività ottimizzando l’uso delle risorse lungo tutta la catena del valore.

Oltre un terzo (34%) delle organizzazioni intervistate ha dichiarato di aver già implementato i Digital Twin su scala per comprendere e prevedere i propri consumi energetici e le emissioni, in particolare le aziende attive nel settore Consumer Products (52%) e quelle del comparto Energy and Utilities (50%), che utilizzano modelli virtuali per favorire la sostenibilità delle operazioni. In media, le aziende che hanno già iniziato a utilizzare i Digital Twin stanno registrando un miglioramento medio del 16% delle loro metriche di sostenibilità.

Eraldo Federici, Manufacturing, Automotive, Life Sciences, Aerospace & Defence Director di Capgemini in Italia, ha dichiarato: “Colmando il divario ‘physical-digital’, i Digital Twin supportano le organizzazioni nel creare maggior valore, portando sinergie tra dati, tecnologie e processi aziendali, e sono il fulcro della trasformazione guidata dall’Intelligent Industry[2]. Offrono un’irripetibile opportunità per quelle aziende che desiderano accelerare il loro percorso verso operazioni intelligenti, aumentando al contempo la redditività e promuovendo un futuro sostenibile”.

Per consultare il report, cliccare qui.

Metodologia di ricerca

Al fine di comprendere l’approccio delle principali aziende verso i Digital Twin, Capgemini ha raccolto il punto di vista di 1.000 organizzazioni attive in diversi settori, tra cui Life Sciences, Consumer Products, Energy and Utilities e Discrete Manufacturing, oltre a proprietari e gestori di infrastrutture. L’80% degli intervistati ha già all’attivo dei programmi di Digital Twin, mentre il restante 20% intende avviarli. Sono state condotte anche 14 interviste approfondite con esperti di settore, esponenti del mondo accademico e think tank di numeroso organizzazioni e università.

[1] Un Digital Twin è una replica virtuale di un sistema fisico in grado di modellizzare, simulare, monitorare, analizzare e ottimizzare costantemente il mondo fisico. Mira a colmare il divario “physical-digital” secondo tempi e modi adeguati, migliorando quindi performance e sostenibilità. Si avvale di una moltitudine di casi lungo tutta la catena del valore, dalla progettazione e ideazione fino alla produzione, e rappresenta un modo di lavorare da remoto, collaborativo e flessibile. Può fungere da mezzo per sperimentare diversi scenari e valutare l’impatto di ogni decisione senza rischi reali, con conseguente accelerazione dei tempi di commercializzazione, riduzione dei costi e miglioramento della sicurezza.

2022_05_30_News Alert_Digital_Twins...

Dimensione del file: 649,88 KB File type: PDF