Sfide, collaborazione, risultati: l’importanza dello sport in azienda

Publish date:

“Lo sport ha il potere di unire le persone in un modo che poche altre cose fanno”. Le parole di...

Il mio approdo professionale in Capgemini risale ormai a molti anni fa, e dal primo giorno in cui ho iniziato a muovere i miei primi passi in azienda, ho sempre cercato di organizzare piccoli momenti sportivi tra colleghi e colleghe (colleghe certo! Avete mai visto giocare una donna a calcetto?).

Ho sperimentato di tutto: partite di calcetto, mini-tornei di tennis, appassionanti sfide a biliardino, persino gare di ping pong all’ultimo colpo! Quello che forse non mi sarei mai aspettata all’inizio, è l’adesione entusiasta con cui in molti hanno aderito, contenti di buttarsi nella mischia e mettersi in gioco misurando il proprio spirito agonistico con quello del vicino di scrivania con cui, magari, si è abituati a scambiarsi solo delle mail durante la giornata.

Perché lo faccio? Perché mi piace conoscere le persone e instaurare rapporti umani all’interno dell’ufficio.

Per un’azienda come Capgemini non è semplice conoscersi tutti tra colleghi, abbiamo tante sedi dislocate sul territorio nazionale e spesso molti di noi sono lavorano dal cliente. Organizzare eventi e tornei sportivi non è un modo per vincere su questa o quale squadra, bensì un modo per incontrarsi e conoscersi, oltre che per divertirsi, lasciando nascere rapporti che vanno al di là del lavoro, arricchendo i rapporti sociali e talvolta gettando il seme per nuove, belle amicizie.

Lo sport di squadra crea spirito e solidarietà di gruppo; far parte di una squadra significa condividere, gioire e soffrire insieme per raggiungere un risultato. All’interno di quello che è il sistema squadra, si compongono i conflitti e incomprensioni, ma allo stesso tempo si impara a stare insieme in un rapporto di rispetto reciproco, imparando lo spirito di fair play che, al di là dello sport stesso, è indispensabile nella vita di tutti i giorni, fuori dai rettangoli o dai tavoli di gioco. Non è forse come in un team di progetto o nella stessa stanza d’ufficio?

La squadra serve a far capire a tutti i suoi singoli componenti che un lavoro collettivo e l’affiatamento sono indispensabili per ottenere risultati; la squadra diventa l’ambito ideale nel quale si definiscono e si armonizzano i ruoli, le competenze, le finalità, le abilità individuali. Da soli, non si fa avanti a lungo.

Ecco perché ritengo utile e costruttivo far leva sullo sport in azienda, possibilmente puntando su sport di squadra. Ed ecco perché continuerò, anche quest’anno, ad organizzare sfide e tornei cercando di coinvolgere il maggior numero possibile di colleghi.

L’invito a unirsi è aperto a tutti: date una pallonata alla pigrizia e alzatevi dalle scrivanie!

Post correlati

#iostoincapgemini

It’s canvass time!

Roberto Gibertini
giugno 26, 2018

Vi siete mai chiesti cosa accade ai sistemi di una grande organizzazione quando nasce una nuova iniziativa...

#iostoincapgemini

Scegliere insieme. Con coraggio.

Cesare Prisco
giugno 20, 2018

Che cosa hanno in comune il valore del coraggio e quello dello spirito di squadra? Il coraggio più...

#iostoincapgemini

Sette valori per una ricetta perfetta!

Matteo Lo Duca
giugno 18, 2018

Avere dei valori di riferimento serve, nella vita di tutti i giorni come in quella spesa tra le scrivanie...

cookie.
By continuing to navigate on this website, you accept the use of cookies.
For more information and to change the setting of cookies on your computer, please read our Privacy Policy.

Chiudi

Chiudi l'informativa sui cookie