#IoRacconto: quando complicità e fiducia rendono il lavoro migliore!

Publish date:

Con il talento si vincono le partite, ma è con il lavoro di squadra e l’intelligenza che si vincono i campionati. Nessun uomo o donna è un’isola, tanto meno un consulente alle prese con progetti complessi e scadenze di consegna. Un promemoria da tenere sempre a mente. Ricordandosi di divertirsi di tanto in tanto.

Un anno e qualche manciata di mesi: è questo il tempo che ho trascorso finora in Capgemini, un tempo intenso, pieno di impegni ma anche ricco di soddisfazioni che oggi, a distanza di tempo, non faccio fatica a definire “fantastico”. Già, fantastico: perché per me, giovane studente laureato in Economia e Commercio, il mondo IT fino a poco più di un anno e mezzo fa,era una realtà poco conosciuta, qualcosa con la quale non mi ero mai interfacciato se non attraverso i libri.

Per indole personale, le sfide non mi hanno mai fatto paura e proprio per questo, anche davanti a un mondo ancora piuttosto nebuloso per me, non mi sono certo tirato indietro quando ho avuto l’occasione di entrare a far parte del mondo della consulenza in Capgemini. E il coraggio mi ha ripagato: perché l’esperienza professionale che sto vivendo, pur tra normali difficoltà, mi ha riservato ogni giorno nuove sorprese, tante soddisfazioni personali e persino gradevoli momenti di svago.

In questo, lavorare nel gruppo giusto sicuramente fa la differenza: il nostro gruppo, quello IT che lavora sul progetto per un’importante cliente a Milano, sa affrontare ogni tipo di dinamica lavorativa con un piacevole approccio: la collaborazione tra colleghi e colleghe è totale, a prescindere dal title e dalle responsabilità; non esistono gradini quando si lavora sullo stesso progetto. Ognuno di noi è motivato e motiva gli altri, ci si sente sempre un pezzo importante di un puzzle i cui ogni pezzo è di estrema importanza.

Come in ogni ufficio e progetto che si rispetti, possono capitare delle giornate “no” o dei momenti poco conciliabili con l’attività lavorativa, ma con il clima e il supporto giusti si può andare avanti lo stesso: tutto sta nel saper affrontare intelligentemente questi momenti, nel saperli gestire. Come ci riusciamo? Grazie alla complicità e alla fiducia che abbiamo instaurato tra di noi: solo grazie a questo possiamo trasformare le difficoltà lavorative in opportunità, in occasioni per rilanciare la propria attività.

Condividere le conoscenze e le esperienze è per noi un punto di forza, un modo per trovare una più rapida ed efficiente soluzione alle problematiche che si presentano e che per fortuna, però, vanno a braccetto con molti altri momenti di leggerezza e di sana aggregazione che ci concediamo nella giornata e nell’arco dell’anno, spesso al di fuori dell’orario di lavoro: cene di Natale, partite di calcetto, pause pranzo, uscite di gruppo, uscita fuori porta e molte altre esperienze che ogni giovane ragazzo, alla sua prima esperienza lavorativa, vorrebbe avere!

Momenti importanti per consolidare i rapporti umani e per conoscere meglio le persone con cui ci relazioniamo quotidianamente.

#IoStoInCapgemini e sono fiero di essere parte di questa grande squadra.

Post correlati

#Gradathon2018

Ma dove vai se la passione non ce l’hai?

Paolo Di Bartolomeo
Date icon ottobre 8, 2018

Tanti sono i fattori che possono spingermi a consigliare Capgemini ad un mio coetaneo, un...

#Gradathon2018

Make VALUE through VALUES

Andrea Zagarella
Date icon ottobre 3, 2018

Capgemini è il posto giusto per chi ha coraggio. Certo, è leader mondiale nei servizi di...

cookie.
Continuando a navigare su questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni e per modificare le impostazioni relative ai cookie sul tuo computer, leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi

Chiudi l'informativa sui cookie