#IoRacconto: quando complicità e fiducia rendono il lavoro migliore!

Publish date:

Con il talento si vincono le partite, ma è con il lavoro di squadra e l’intelligenza che si vincono i campionati. Nessun uomo o donna è un’isola, tanto meno un consulente alle prese con progetti complessi e scadenze di consegna. Un promemoria da tenere sempre a mente. Ricordandosi di divertirsi di tanto in tanto.

Un anno e qualche manciata di mesi: è questo il tempo che ho trascorso finora in Capgemini, un tempo intenso, pieno di impegni ma anche ricco di soddisfazioni che oggi, a distanza di tempo, non faccio fatica a definire “fantastico”. Già, fantastico: perché per me, giovane studente laureato in Economia e Commercio, il mondo IT fino a poco più di un anno e mezzo fa,era una realtà poco conosciuta, qualcosa con la quale non mi ero mai interfacciato se non attraverso i libri.

Per indole personale, le sfide non mi hanno mai fatto paura e proprio per questo, anche davanti a un mondo ancora piuttosto nebuloso per me, non mi sono certo tirato indietro quando ho avuto l’occasione di entrare a far parte del mondo della consulenza in Capgemini. E il coraggio mi ha ripagato: perché l’esperienza professionale che sto vivendo, pur tra normali difficoltà, mi ha riservato ogni giorno nuove sorprese, tante soddisfazioni personali e persino gradevoli momenti di svago.

In questo, lavorare nel gruppo giusto sicuramente fa la differenza: il nostro gruppo, quello IT che lavora sul progetto per un’importante cliente a Milano, sa affrontare ogni tipo di dinamica lavorativa con un piacevole approccio: la collaborazione tra colleghi e colleghe è totale, a prescindere dal title e dalle responsabilità; non esistono gradini quando si lavora sullo stesso progetto. Ognuno di noi è motivato e motiva gli altri, ci si sente sempre un pezzo importante di un puzzle i cui ogni pezzo è di estrema importanza.

Come in ogni ufficio e progetto che si rispetti, possono capitare delle giornate “no” o dei momenti poco conciliabili con l’attività lavorativa, ma con il clima e il supporto giusti si può andare avanti lo stesso: tutto sta nel saper affrontare intelligentemente questi momenti, nel saperli gestire. Come ci riusciamo? Grazie alla complicità e alla fiducia che abbiamo instaurato tra di noi: solo grazie a questo possiamo trasformare le difficoltà lavorative in opportunità, in occasioni per rilanciare la propria attività.

Condividere le conoscenze e le esperienze è per noi un punto di forza, un modo per trovare una più rapida ed efficiente soluzione alle problematiche che si presentano e che per fortuna, però, vanno a braccetto con molti altri momenti di leggerezza e di sana aggregazione che ci concediamo nella giornata e nell’arco dell’anno, spesso al di fuori dell’orario di lavoro: cene di Natale, partite di calcetto, pause pranzo, uscite di gruppo, uscita fuori porta e molte altre esperienze che ogni giovane ragazzo, alla sua prima esperienza lavorativa, vorrebbe avere!

Momenti importanti per consolidare i rapporti umani e per conoscere meglio le persone con cui ci relazioniamo quotidianamente.

#IoStoInCapgemini e sono fiero di essere parte di questa grande squadra.

Post correlati

#Gradathon2018

Al colloquio di lavoro, indossa il tuo miglior sorriso

Kevin Midolo
Date icon settembre 21, 2018

Come posso dare una buona impressione ad un colloquio? In che modo mi devo vestire? E come devo...

#Gradathon2018

Quante palline da tennis posso caricare su un Airbus?

Giorgio Lauzi
Date icon settembre 19, 2018

Ma ve lo ricordate il vostro primo colloquio di lavoro in assoluto? Ansia e agitazione penso che...

#Gradathon2018

Guardiamo il mondo con occhi diversi

Andrea Angaroni
Date icon settembre 14, 2018

Quando si parla di innovazione si tende sempre a pensare a questo o a quello scienziato, genio...

cookie.
By continuing to navigate on this website, you accept the use of cookies.
For more information and to change the setting of cookies on your computer, please read our Privacy Policy.

Chiudi

Chiudi l'informativa sui cookie